Un uomo solo, di Christopher Isherwood

Ho terminato la lettura di Un uomo solo, di Christopher Isherwood, dopo averne visto un’intervista a Tom Ford che, proprio da queste pagine, ha tratto il suo ultimo film.

Un uomo solo è un libro triste. Non credo potesse essere diversamente, visto che parla di un lutto, di una vita che si fa sempre più stanca e affaticata, di un bagaglio di esperienze che diventa persino pesante.

Colin Firth in una scena di "A single man", di Tom Ford

Colin Firth in una scena di "A single man", di Tom Ford

Le prime delle 24 ore della giornata del protagonista, George, che di mestiere fa l’insegnante e che ha subìto la morte del proprio compagno Jim, sono trascorse senza scatenarmi particolari reazioni. Ma poi è tutto un crescendo di emozioni, di fronte alle quali non si può rimanere impassibili.

Sono pagine nelle quali il senso di perdita per la persona amata, di estraneità verso il mondo e verso se stessi sono palpabili, sembra rimangano nelle dita che sfogliano il libro e negli occhi che ne scorrono il testo. Sono sentimenti che non conoscono né sesso, né tempo, né luogo.

Impeccabile lo stile di Isherwood che rimane sobrio, garbato e discreto anche quando parla di sesso, e rende questo romanzo perfetto nella sua misura. Un personaggio, quello di George, e una scelta di stile, la sua, a cui è bene ripensare, di tanto in tanto.

Dunque, prendiamone atto, le minoranze sono persone che probabilmente guardano, agiscono e pensano diversamente da noi, e hanno difetti che noi non abbiamo. E il loro modo di vedere le cose e di agire può non piacerci, e possiamo odiare le loro mancanze. Ed è meglio ammetterlo, anziché impiastricciare i nostri sentimenti con la melassa pseudo progressista. Se siamo sinceri con noi stessi abbiamo una valvola di sicurezza, saremo meno inclini a perseguitare il prossimo.

Matthew Goode in una scena di "A single man", di Tom Ford

Matthew Goode in una scena di "A single man", di Tom Ford

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: